Angeli, Essenze Cristalline

Cari amici, vorrei raccontarvi una storia vera, che per me continua ad essere fonte di meraviglia e di stupore. Una notte, ormai di tredici anni fa, mentre mi accingevo ad entrare nel mondo dei sogni, fui assalita improvvisamente dal desiderio di ritrarre il mio Angelo e così mi ritrovai in atelier a scegliere un foglio e, anziché andare a dormire, iniziai a dipingere.

Immediatamente mi posi in una condizione meditativa, lasciandomi fluire e l’Angelo a poco a poco andava rivelandosi ai miei occhi, ma più precisamente, al mio cuore. Devo dire che, in quanto artista visiva, la decisione di concedermi piena libertà, svincolata completamente da qualsiasi tipo di progettualità è un modo di dispormi che in realtà utilizzo spesso, ma normalmente ho comunque già deciso a priori svariate cose, mentre nel caso degli Angeli, la base di partenza è davvero quella di esserci il meno possibile, ovvero lasciare che i pennelli agiscano da sé.

Una volta terminato il quadro, il senso di stupore è stato grande, e mentre facevo conoscenza con questa singolare entità, così particolare, la sentivo vicina ed affine, un’entità cara e silenziosamente conosciuta. Per molti giorni ho lasciato che l’Angelo mi parlasse, che mi insegnasse come aprire il mio cuore ai suoi suggerimenti tramite il suo ritratto, ovvero attraverso la sua visualizzazione tangibile,  e ad un certo punto, non tanto tempo dopo aver dipinto questo mio Angelo, ho sentito forte il desiderio di ripetere la stessa esperienza ponendomi in contatto con l’Angelo del mio amato marito, ed ecco che si è andata delineando una nuova entità, altrettanto profondamente permeata di messaggi personali. Lo stupore commosso mi ha nuovamente pervasa e così a poco a poco ho iniziato a dipingere i primi Angeli. Entità simili a cristalli, che ci parlano e ci accompagnano, che ci amano. Concedere loro di entrare in contatto col nostro cuore ci apre le porte della nostra Vera Essenza.

Dunque la condizione fondamentale, nel mettermi a dipingere questi Angeli, è di essere completamente trasparente, svincolata da qualsiasi giudizio. Cerco di spiegarmi meglio, intendo dire che ogni scelta, dal tipo di colori che andrò ad utilizzare in avanti, (fino al momento in cui percepisco di aver terminato il dipinto), fluisce da sé ed io mi rivolgo esclusivamente alla comunicazione diretta con le parti più sottili della persona per la quale sto operando, ritrovandomi immersa in una profonda luce di pace, una luce diretta. Questa condizione, appunto meditativa, mi permette di lasciar andare qualsiasi “pre-giudizio” su quanto avviene sul foglio.

Ogni Angelo è una sorpresa per me tanto quanto per chi lo riceve!! Ciascun Angelo è assolutamente personale, con un suo proprio modo di esprimersi, costituito da tutto il suo essere ed è proprio attraverso questo linguaggio così squisitamente simbolico che questi Angeli si rivelano a noi, portandoci e suggerendoci delle vie per trovare o ritrovare la nostra reale leggerezza, in quanto esseri di luce, aiutandoci a superare la gravità di queste nostre vite, immerse in tali e tante tensioni ed emozioni bloccate, da renderci opachi e stanchi, vecchi e scoraggiati, deboli ed impauriti.

Mentre dipingo mi giungono molte intuizioni e quando ho terminato sono in grado di mettere insieme i diversi messaggi, potrei dire di decriptare l’intero pittogramma. Al momento della consegna dell’Angelo, esprimo liberamente quanto ho percepito ma da questo momento l’entità è in diretto contatto con il suo personale “amico” e inizia un rapporto del tutto esclusivo ed ognuno di noi può percepire ulteriori informazioni, se dà voce e spazio al suo personale potere intuitivo, insomma se si pone in ascolto, eliminando appunto qualsiasi condizionamento, matrice di tutti gli schemi mentali.

www.pdf24.org    Invia articolo in formato PDF   
2 Commenti

Accordo lo strumento che suona da sé

www.pdf24.org    Invia articolo in formato PDF   
Nessun Commento