Il rumore della felicità…

Non molto tempo fa in un forum italiano che io frequento è stato suggerito di rinominare la sezione del forum intitolata “Ascensione e risveglio spirituale”. L’autore del sondaggio ha anche proposto un nome alternativo che io però eviterò di riportare, perché non è questo il punto.

I termini comunemente usati per descrivere quelle cose incredibili che stanno succedendo a noi e al nostro pianeta (Ascensione, risveglio spirituale ed altri ancora) non sono stati partoriti da noi, semplicemente un bel giorno ce li siamo trovati davanti come una targhetta di accompagnamento fissa, e siccome il nostro rapporto personale con questo mega-rifacimento planetario era ancora praticamente inesistente (non che adesso abbiamo già un rapporto maturo e perfettamente funzionante, però è decisamente “un altro paio di maniche”), non potevamo avere voce in capitolo per identificare autonomamente il fenomeno in corso.

Ora, però, poco a poco cominciamo a sentire dentro come un bisogno impellente di “ribattezzare queste cose”, di trovare loro dei nomi diversi. Magari con delle sfumature che provengono dal nostro pensare – sentire – percepire ad ampio spettro e non da un ennesimo messaggio di channeling. Vorremmo trovare loro dei nomi “verosimili, caldi e conduttivi”, quelli che ci fanno vibrare dentro; vorremmo scolpire una nostra cornice personalizzata attraverso cui fare luce su tutti questi miracoli di piccola, media e grossa cilindrata che entrano di prepotenza nella nostra esistenza.

Così facendo potremo prendere questi miracoli sotto la nostra tutela personale, rendendoli di nostro effettivo dominio, cambiando il loro attuale status di realtà con la condizionale (quella che si pensa, si interpreta e si vive, usando come testimoni chiave i vari interlocutori residenti sui piani sottili e che possono essere qualunque cosa, ma di certo NON possono essere i compartecipanti dei lavori in corso nel nostro cantiere globale terrestre) in quello di realtà manifestata.

Tutti questi archangeli, messaggeri e maestri di luce, guide spirituali di ogni genere non sono qui con noi, non fanno parte del nostro spazio conduttivo e quindi non possono fornirci il nostro nuovo “know how” (letteralmente: “sapere come”) esistenziale, non possono attivare il regime del “discorso diretto” (la magia di toccare le cose con la parola sensitiva ad alta definizione), non possono rieccitare lo spazio del piano fisico al posto nostro, non possono “condurre il gioco”.

Il compito di manifestare e di vivere la nuova realtà spetta unicamente a noi, residenti del mondo della Terra, e per farlo dobbiamo giustamente cominciare dall’inizio. Dalla responsabilità di “dare i nomi alle cose” (“Il mondo era così recente, che molte cose erano prive di nome, e per citarle bisognava indicarle col dito”).

Continua »

Nessun Commento
  • Immagini

  • Slideshow

  • Perché siamo qui?

    Benvenuti nella nostra nuova casa – nel portale nato come Afrodite dalla schiuma e dagli spruzzi dell’onda trasformativa. Ma quale onda trasformativa? Di che cosa stiamo parlando? Un attimo di pazienza, ci arriveremo, ma prima di introdurre l’argomento dell’onda trasformativa e degli incredibili cambiamenti che stanno per travolgere il pianeta Terra, vorrei presentarmi. Irinushka è il mio “nome d’arte” che proviene dal mio nome anagrafico – appunto, Irina. Sono nata a Mosca e fino all’età di trent’anni sono stata una persona apparentemente “normale” – laureata a Mosca in lingue straniere e storia moderna, quindi ricercatrice all’università e interprete, all’epoca della “perestroika” mi sono trasferita in Italia e ho felicemente trovato in questo paese la mia seconda patria. Nuovi scenari, nuovi affetti, nuovi spartiacque, nuovi confini. Alcuni dei quali veramente sbalorditivi… Ecco, apro subito un inciso: mi rendo conto che alcuni termini e alcune espressioni che userò sia in questo mio primo scritto che in seguito possono sembrare un po’ esagerati, forse fuori contesto, magari quasi ridicoli a chi mi legge appunto per la prima volta (e per questo spesso li metterò tra apici). Il problema è che in questo primo articolo io devo in qualche modo condensare un cammino che va avanti da diversi anni, riflesso in centinaia di scritti e di elaborazioni e di discussioni in lingua russa e di cui potete trovare traccia qui. Mentre per voi che mi leggete adesso sono una novità sbucata fuori dal nulla! Quindi vi chiedo di avere pazienza e un po’ di fiducia…-)! E naturalmente, visto che si tratta di un blog, potrete sempre esprimere i vostri dubbi, le vostre domande, le vostre richieste di chiarimento.

    Continua >>
  • Collegamenti

    • Per chi desidera ricevere nostre notizie:
    • Aggiungi la Tua Mail alla Nostra Mailing List