La Prospettiva

La Prospettiva

In questo momento c’è il Creatore in linea, vuole cominciare Lui.

Vorrei che durante la giornata di oggi venisse scoperto il Disegno Principale, venissero scoperte delle sfumature del Disegno Principale, che voi a questo punto possedete. Naturalmente sarò presente durante tutte le sedute, durante tutte le vostre discussioni e condivisioni, ma volevo specialmente aprire questi lavori, presentarvi il Disegno, il Disegno che Io possiedo e che riguarda la terrestricità e la Mia espressione, la Mia presenza, la Mia apparizione a livello della materia terrestre.

Il Disegno Principale è la condizione che indica la Prospettiva, che indica il Futuro, che organizza la Luce, che organizza le energie, che propone un qualche tipo di possesso dentro il quale tutti i movimenti possono espandersi, di cui possono usufruire. Possiamo dire che il Disegno Principale è un Mio Sguardo che forma e presenta il Futuro e ovviamente non è un Futuro statico, è un Futuro dinamicamente aggiornabile. Io sto formando questo Futuro, questa specie di Convergenza, di Convergenza ideale e tutte le energie, tutti i palcoscenici stanno scoprendo questa Prospettiva, stanno scoprendo questo Futuro, e percepiscono sempre di più che vogliono avvicinarsi a ciò che si sta dipingendo, a ciò che si sta scoprendo.

Il Mio Disegno, il Disegno Principale, il Disegno che riorganizza tutta la Vita: è il Mio Sguardo che conta, che non può essere ignorato.

Poi a sua volta questo Sguardo, questa Prospettiva, può accogliere dentro di sé, sviluppare dentro di sé, tanti altri sguardi, prospettive, direzioni. Questo Mio Sguardo, questo Mio modo di vedere il Futuro, tramite il Mio Disegno Principale, non costringe affatto le energie ad occupare una certa posizione rigida o a scegliere una certa direzione di movimento rigida. Anzi, proprio considerando le specifiche e le proprietà di ciascuno, Esso comporta delle riorganizzazioni, dei raggruppamenti, dei riassestamenti, suggerisce che cosa conviene lasciare, che cosa invece conviene riordinare e sviluppare per poter camminare, passo passo, nella direzione dello Sguardo Principale. Ed è una Prospettiva dinamica, non può finire: di questo me ne occupo Io, di come aggiornare questa Prospettiva della Luce.

Adesso per voi è arrivato il momento in cui voi vi siete avvicinati così tanto a questo Disegno Principale che non può più esservi nascosto. Ci state entrando dentro, possedete a questo punto l’imperatività, la motricità, che alimenta il vostro seguire il Disegno Principale e questo naturalmente riguarda tutto il vostro attuale parco dei movimenti, anche la vostra percezione di voi stessi perché adesso diventa accessibile questo ordine, un ordine di voi stessi nella direzione dello Sguardo Principale, nella direzione del Disegno Principale, dell’espansione del Disegno Principale. Quindi a questo punto voi cominciate a possedere la Prospettiva, sia a livello della consapevolezza, che a livello dei movimenti, che immancabilmente aggiornerà tutte le vostre attuali prospettive, tutto il vostro attuale senso dell’ordine e della percezione di voi stessi.

Il senso dell’ordine, cominciando da che cosa?

Da come è fatto il vostro corpo fisico, che a sua volta è la condizione alla base del vostro muovervi, della vostra motricità. Fino ad ora possedevate il corpo fisico che non era ancora correlato con il Disegno Principale e anche se il corpo partecipava comunque allo scorrere della Vita nella direzione del Disegno Principale, non c’era ancora abbastanza energia, non erano ancora allacciati certi distributori dell’energia, perché la consapevolezza non lo permetteva. E così non avendo a disposizione il sistema dei regolatori dell’energia che avrebbero permesso alle correnti di fluire naturalmente nella Prospettiva del Disegno Principale, voi possedevate una prospettiva limitata, una prospettiva troncata, magari anche la percezione della vostra stessa Vita vi risultava distorta. Apparentemente possedevate dei movimenti, usavate le energie, vi spostavate, vi spostavate sia a livello fisico che a livello degli eventi, della partecipazione agli eventi, però la percezione di ciò che era proprio la vostra Vita, il vostro vivere, non essendo ancora stata allacciata a certi distributori dell’energia che finora la consapevolezza non permetteva di allacciare, vi dava la sensazione della non naturalezza, vi dava la sensazione di qualcosa di sbagliato. Sia nei confronti della vostra specifica esistenza – stile di Vita, sia nei confronti del vivere in generale, e le conferme di questa cosa che non era a posto le potevate trovare dappertutto, ovunque, in qualsiasi momento.

È che non possedevate la Prospettiva completa.

La Prospettiva completa della Vita e dell’Esistenza doveva ancora apparire, doveva ancora espandersi.

Adesso questa Mia apparizione presso di voi e le spiegazioni che ho cominciato a dare vi aiuteranno a cominciare ad entrare in possesso di ciò che è la vostra Prospettiva, perché è questa la Cosa Principale: essere voi stessi, possedere il senso del proprio essere, dei propri passi, del proprio modo di stare in equilibrio, del proprio modo di consumare le energie. Una condizione che finora possedevate, ma non abbastanza, perché mancava questo allacciamento chiave, mancava questa Direzione e Scelta Principale.

Adesso mi viene da usare questa espressione Direzione dell’Uscita. Un’Uscita da dove e verso che cosa?

Suggerirei anche di associare questa parola, Uscita, alla parola Salvezza. L’Uscita è la Salvezza.

Questa Uscita – Salvezza nello stesso tempo fa cessare le prospettive di prima, anche se non alla lettera, però le aggiorna, le cambia, le ristruttura, e forma una Prospettiva – Landscape che serve il Disegno Principale, che serve il Mio Sguardo verso il Futuro, che serve ciò che la Vita può proporvi e continuerà a proporvi e ancora e ancora e ancora, perché la Vita non finisce mai.

E allora oggi la Prospettiva sarà al centro dei lavori che farete soprattutto con My Sun – My Son – EG (però Io ci sarò sempre). Anche perché il vostro modo di entrare in possesso di questa Prospettiva, di espanderla presso di voi, quindi di venire a conoscere direttamente da voi ciò che è il Mio Disegno Principale – nelle sue sfumature che sono accessibili a voi – mi riguarda direttamente. Noi siamo in interazione, noi siamo delle forze in interazione e c’è uno scambio diretto tra noi. Io formo la Direzione Principale, formo la piattaforma, faccio in modo che siano presenti le coperture energetiche, le alimentazioni energetiche necessarie, però lascio che voi possiate modificare, personalizzare e scegliere anche le vostre specifiche direzioni, che sono correlate con la condizione della Direzione Principale, del Disegno Principale.

Adesso, provate a immaginare il Mio Sguardo che, solo per il fatto di essere il Mio Sguardo, crea il Futuro: lo crea, lo definisce, lo contiene, lo possiede. Potete immaginarlo, dipingerlo o semplicemente indicarlo. Essendo Mio questo Sguardo, è uno Sguardo che vede tutto, che contiene tutto, che possiede tutta la Vita, tutto il landscape della Vita, sia il landscape già manifestato che il landscape non ancora manifestato, un landscape che potrebbe essere abbozzato a livello della consapevolezza, ma che non è ancora nato, non è ancora manifestato a livello degli involucri terrestri.

Possedere la Prospettiva Principale, la Direttiva Principale, permette ai vostri motori di ricerca di aggiornare le attuali prospettive che li guidano: magari basta spostarsi solo di un passo, di un metro, rispetto alla prospettiva che finora era ritenuta assiomatica. La scelta di adesso è quella di non essere vincolati in un modo troppo stretto, troppo rigido, a ciò che erano le prospettive e le indicazioni delle direzioni dipinte finora.

Praticamente questa Prospettiva Principale che cosa può fare? Può scomporsi, può rifrangersi e farsi sentire, farsi vedere anche in ogni singolo movimento, anche in ogni singolo passo e ovviamente anche dentro le prospettive attualmente possedibili. La Prospettiva Principale è una specie di super potenziamento, di super rafforzamento, però vuole essere messa in contanti, vuole riempire, arricchire, aggiornare, modificare tante di quelle prospettive attualmente disponibili, quindi anche i loro rispettivi punti di vista, i loro rispettivi sensi dell’ordine, i sensi e le maniere della gestione.

La mia Prospettiva Generale è prima di tutto un volume delle correnti, di tante correnti energetiche. Immaginate, per esempio, la rete elettrica della vostra casa, dove scorre una corrente ad un certo voltaggio e voi avete dei dispositivi, avete degli elettrodomestici, avete delle apparecchiature che dipendono da questa rete, che ne vengono alimentati. Questa rete nel nostro caso è la Consapevolezza, la matrice della Consapevolezza, l’oceano della Consapevolezza che adesso viene rifornita dalle correnti energetiche estraibili dalla mia Direzione Principale, dal Mio Disegno Principale. Perciò dentro la rete elettrica che abbiamo preso come esempio, adesso arrivano delle correnti, si espandono delle correnti, che finora non erano accessibili. Allora, gli utenti, le utenze, le apparecchiature che si collegano a questa rete di alimentazione per poi fare ciò che possono fare, cominciano a scoprire che ci sono queste correnti nuove, che possiedono un tipo di alimentazione nuova, diversa, ogni volta che si collegano alla rete, ogni volta che la spina viene inserita nella presa. Potete immaginare eventuali stranezze o anche malfunzionamenti che potrebbero capitare all’attuale apparecchiatura, agli attuali elettrodomestici che usano la rete elettrica umana, però direi che questo esempio dovrebbe ispirarvi 🙂 perché voi e tanti altri utenti, utenti e utenze, che ci sono nello spazio della Terra non siete per niente programmati in modo rigido per funzionare solo se alimentati da certe correnti fisse ed univoche.

Ci saranno dei sovraccarichi, non vi posso risparmiare i sovraccarichi e anche eventuali effetti collaterali, magari a volte addirittura la condizione che proprio non riuscirete a funzionare un granché, come se appunto un’utenza dovesse staccarsi temporaneamente dalla rete da cui viene alimentata perché non riesce a metabolizzare, a digerire, tutto questo sovraccarico che le arriva.

Sostanzialmente che cosa vi arriverà, con queste nuove correnti estraibili dalla Prospettiva del Disegno Principale?

Saranno nuove proprietà della Vita, nuove proprietà organolettiche, nuove caratteristiche del Vivere e dell’interagire con la Vita.

Adesso mentre vi aggancerete ai vostri modi familiari di usare le energie, ecco che avrete a disposizione delle aggiunte, delle integrazioni, delle correnti nuove, dei regolatori nuovi e complessivamente tutto questo sarà a favore di una diversa qualità della Vita. Poi, siccome ognuno di voi viene alimentato dal suo specifico sistema delle prese, delle linee della forza e delle connessioni, pur avendo anche delle prese in comune con gli altri, anche questo assimilare nuove proprietà della Vita, si manifesterà in modo diverso presso ognuno di voi.

Lì dipende molto da come siete fatti, dalla vostra struttura cellulare, dal vostro modo di consumare le energie, dal vostro metabolismo esistenziale e anche da ciò che voi ordinate. Perché voi avete la possibilità di ordinare, voi avete la possibilità di influire sull’alimentazione energetica che vi arriverà dalla rete. Essendo intelligente, la rete sa già lei che cosa proporre ad ogni singolo utente, fa già le sue valutazioni, prendendo in considerazione per esempio il carattere di una certa utenza, le sue necessità, il suo modo di fare i movimenti ecc. Però, a loro volta, le utenze, gli utenti hanno la possibilità di fare delle ordinazioni, di esprimere dei suggerimenti, di proporre alla rete di arricchirli con certe particolari miscele energetiche, con certe particolari correnti. Perciò questa parte dipende da voi e quindi dovrete osservare con molta cura, con molta attenzione quello che vi arriva, queste nuove correnti, e cercare di fare delle proposte, delle controproposte, delle precisazioni: ecco questa è una parte estremamente interattiva.

La qualità principale è questa: possedere i movimenti, poter essere l’energia in movimento, poter usufruire dei movimenti, perché questo fa sì che voi siate una parte integrante della Vita.

I movimenti sono degli agenti energetici, e quindi possiedono il senso della Prospettiva, possiedono la sagoma, l’immagine della Prospettiva, della Destinazione Principale. A seconda di ciò che possiedono consumano l’energia, e quindi, anche voi, mentre eseguite questi movimenti, usate le vostre cellule consumando l’energia in un certo modo.

Tutti voi avete un volume dei movimenti piuttosto grande, anche solo parlando dei movimenti attualmente conosciuti.

Adesso come voi percepite questi movimenti?

Tranne rare eccezioni, in cui sentite proprio di aver fatto un movimento ad Alta Produttività, diciamo che i vostri movimenti abituali sono dei movimenti piuttosto a bassa produttività, ma a bassa produttività non perché non possedete abbastanza energia, ma perché non possedete abbastanza mondo per fare dei movimenti ad Alta Produttività.

E non possedendo ancora un mondo che sia un sistema della Vita esterna che serve il regime dell’Alta Produttività, voi non possedete nemmeno i movimenti che interagirebbero con un mondo così. Vi risulta che questo andare, questi movimenti a bassa produttività, non vi soddisfano, possono anche essere una fonte di sofferenza, e sicuramente di insoddisfazione, ma non sapete come sostituire questi movimenti, o come migliorarli, o come impostarli diversamente, perché non possedete il mondo che sarebbe in correlazione con questa forza dell’Alta Produttività.

Focalizziamoci sulla vostra attuale insoddisfazione. Cercate adesso di liberare il più possibile i vostri attuali movimenti da questo senso di insoddisfazione che è come una ruggine, come un qualcosa che ha impregnato i vostri movimenti per molto tempo.

Questa insoddisfazione che voi avete attribuito loro, non possedendo ancora il mondo, non possedendo ancora la grafica esistenziale che poteva essere all’altezza di voi e dei vostri movimenti, adesso toglietela questa insoddisfazione, usate le tecniche che preferite, l’approvvigionamento energetico ve lo permette.

È importantissimo, perché i movimenti sono l’organo principale della vostra auto-espressione.

Come si comporteranno i vostri movimenti, così vi comporterete anche voi.

E adesso i movimenti che stanno scoprendo questa nuova Prospettiva – che a sua volta diventa loro accessibile attraverso queste nuove correnti, nuovi comportamenti della Forza e altro ancora – ecco, adesso i movimenti tenderanno ad aggiornarsi parecchio. E quindi prima, a monte, ci sarà il comportamento dei vostri movimenti che si aggiorna e voi – essendo coloro che possiedono i movimenti, che gestiscono i movimenti –  sentirete come cambia anche il vostro comportamento, il vostro modo di essere, come vi aggiornate voi. Perché voi possedete naturalmente i movimenti che a questo punto si stanno espandendo dentro una Prospettiva della realtà appena attivata, appena allacciata.

Il movimento Principale è il corpo stesso, il corpo anche come bussola. Una bussola che permette di precisare, di regolare tanti altri movimenti, tanti altri passi. Il corpo può essere visto come il movimento Principale e anche come l’organo del movimento. Il corpo è la fonte della densità e anche il generatore della densità, il produttore della densità. A seconda della densità che voi vorreste avere, che la convenienza vi suggerisce di avere, il corpo userà se stesso per impostare, produrre e gestire tale densità. Si tratterà di densità che sarà sempre vivibile nella terrestricità, però non più uguale per tutti.

Quindi ricordatevi questo: che il corpo è la fonte e anche il produttore e poi anche il consumatore perché, mentre fate i movimenti, il corpo consuma le energie. Allora, finora tutti i vostri corpi erano obbligati ad essere alimentati anche dalle prese della bassa produttività, non era esattamente la vostra scelta, era la scelta della consapevolezza dell’average. I corpi formavano delle inquadrature in successione, dei movies, servendo quello che era lo stile di Vita dell’average, le norme del ricevere le energie e del consumare le energie. Avrete modo di vedere che cosa cambia, che cosa comincia a cambiare, mentre il vostro corpo viene allacciato a delle prese diverse. Non solo il corpo, ma anche proprio il senso del corpo, il vostro specifico senso del corpo. Non sarà conveniente proporre troppe novità istantaneamente perché tutto questo deve essere comunque metabolizzato, compreso e poi messo in funzione, ma il vostro corpo è anche lo strumento principale tramite cui venire a conoscere tutto ciò. Ripeto: il corpo è un organo della creazione della Vita e della produzione della Vita ed è anche il consumatore della Vita stessa.

Adesso non è tanto importante la realtà di per sé quanto il vostro stesso corpo. Diciamo che la realtà che c’è adesso è come se avesse subito un ulteriore abbassamento di categoria, un’ulteriore degradazione di categoria. Mentre il vostro corpo ora si presenta decisamente più in primo piano, decisamente più in rilievo, rispetto a come si presentava prima, l’attuale realtà circostante invece sta indietreggiando, sta sfumando, sta sfocando, non respira più, i suoi battiti diventano sempre più impercettibili, sempre più scoloriti. Diventa uno sfondo, una riflessione, un derivato, un involucro sfuggente che non possiede se stesso e di conseguenza non può essere posseduto.

Quindi nel sistema relazionale tra il corpo e la realtà circostante il corpo sta assumendo il ruolo e il peso del fattore dominante. È lui che crea la realtà, è lui che ha la capacità di dipingere, di ridipingere, di modificare quello che lo circonda, allacciandosi alle prese energetiche sotto l’egida dello Spirito.

A sua volta il corpo è un volume, un volume molecolare, dove però non sto parlando soltanto delle molecole fisiche, sto parlando delle molecole della consapevolezza, delle molecole dell’eccitabilità, delle molecole del movimento, delle molecole della super unificazione, delle molecole della trasformabilità.

Questo corpo è l’organo della creazione, è circondato dalla Vita. Prima il corpo e la Vita esterna venivano in qualche modo pareggiati ed uguagliati tra loro creano l’illusione di un panorama apparentemente nitido e diretto, di un contatto diretto, di un possesso reciproco e anche di una non autonomia, perché a livello dell’assegnazione dei codici la relazione sorgente era errata e in queste condizioni la realtà esterna non poteva essere gestita per davvero, poteva soltanto essere subita.

Adesso invece abbiamo fatto questo cambiamento, più che altro abbiamo confermato un cambiamento che era già in corso. Quindi il vostro corpo ora sta avanzando, decisamente, come il centro della realtà che lo circonda. A questo punto ciò che lo circonda a sua volta è correlato con ciò che lui è, cosa produce, come fa i suoi movimenti, come usa le sue energie. Quindi la realtà del volume esterno diventa un concetto decisamente meno rigido e duty free, fa parte della vostra volontà e il corpo è il vostro Organo Principale della Creazione e anche il vostro Evento Principale.

Torniamo a questo regime in cui voi possedevate il Mio Sguardo, il Mio Sguardo che forma il Futuro e forma il Disegno Principale.

Allora, in questo Mio Sguardo adesso stanno apparendo i vostri corpi, i vostri corpi come sistemi della ragione e del movimento. Questi vostri corpi adesso sono aperti al Mio Sguardo e il Mio Sguardo è aperto a loro. Ci possediamo a vicenda. I vostri corpi sono stupendi. Avendo a disposizione le energie che arrivavano dalle prese di alimentazione a bassa produttività, hanno sviluppato magari certi modi, certe caratteristiche che tanto stupendi non erano, ma questo non toglie il fatto che voi possedete dei corpi stupendi. È la questione delle prese, è la questione degli allacciamenti alle prese.

Adesso potenziamo ancora di più questa condizione che il corpo è l’Organo della Creazione. Vorrei che voi percepiste la felicità per avere questa cosa stupenda, per avere il corpo, per poter essere il gestore, l’organo della creazione possedendo qualcosa che a sua volta è aggiornabile dalla Vita, può essere naturalmente aggiornato, modificato, trasformato dalla Vita. Cercate di sentire la gratitudine verso i vostri corpi, i corpi sono i produttori, quindi dipende molto dal sistema delle prese a cui sono allacciati, ma di per sé sono i produttori, questa è la loro proprietà, la loro caratteristica di base. Sono i produttori della Vita, sono i produttori della realtà. Sono anche i produttori del tempo.

Vi lascio un attimo perché possiate fare le vostre dichiarazioni d’amore ai vostri corpi, soprattutto esprimere tanta gratitudine, così voi li aiutate a liberarsi ulteriormente dalle prese da cui adesso oggettivamente non dovrebbero più dipendere. Vorrei proprio che ricevessero da voi questa benedizione, gratitudine, amorevolezza, si sono un po’ atrofizzati, per forza, avendo dovuto usare le miscele energetiche che provenivano dalle prese dell’average a bassa produttività. I corpi, le loro cellule, le loro molecole, si sono un po’ atrofizzati, si sono adattati a quelle condizioni, però potrebbero fare tanto di più e allora con questo vostro modo di esprimere lo slancio, la felicità, l’amorevolezza, la benedizione, la gratitudine, voi aiutate i corpi a liberarsi ulteriormente, a sganciarsi dal sistema regolatore a cui appartenevano prima.

Adesso vorrei che voi assaporaste questa scoperta, questa condizione, che voi siete i titolari di corpi stupendi. Tutto ciò che poteva essere non a posto, che creava dei malfunzionamenti, delle irregolarità nel comportamento del corpo, nel suo modo di assimilare le energie, era sostanzialmente questione delle prese energetiche, quindi non dipendeva esattamente da voi, qualcosa magari sì, ma poco. E in tutti i casi la risposta è quella che adesso si presenta dentro la Prospettiva, si presenta dentro questo Mio Disegno Principale che ora voglio illuminare, voglio svelare, voglio far manifestare.

Adesso vi racconto che cosa osservo dalla Mia postazione, su cosa succede a questi vostri corpi stupendi. Avendo ricevuto questa benedizione, questo slancio di gratitudine e anche già qualche energia extra, qualche campione di corrente energetica diversa, loro in parte si sentono smarriti, perché per loro è uno sconvolgimento. Sentono questo potenziamento in diretta, sentono che adesso potranno ricevere e consumare le energie con dei giri diversi, con dei turn over diversi e lì ecco sicuramente c’è l’impazienza, si fa sentire, perché hanno cominciato a fiutare questa svolta e allora dicono: “Sì sì ordiniamo, ordiniamo, Sì sì sottoscriviamo” 🙂 . Questa impazienza soprattutto si riferisce al consumo delle energie, a ciò che i corpi potranno manifestare, sostenere, mettere a terra, eseguire, all’arricchimento dello spettro e dell’aspetto dei movimenti e anche delle transitions, delle connessioni tra i movimenti veri e propri.

Il mondo sarà sempre di più un sistema dei movimenti ad Alta Qualità, che serve l’Alta Produttività della Vita.

Quando ho detto che i corpi sono stupendi non mi riferivo soltanto ai corpi di coloro che sono adesso presenti qui in questa stanza. Tranne rare eccezioni, i corpi umani sono in grado di staccarsi dall’alimentazione energetica di prima ed allacciarsi ad un nuovo sistema delle prese energetiche. In un certo senso, la scelta dei corpi sarà più autoritaria rispetto alla scelta della consapevolezza, perché le persone non sanno. Magari soffrono per la bassa produttività, per non possedere i movimenti nella prospettiva giusta, per non poter toccare se stesse, ma non hanno questa chiarezza sull’alimentazione energetica, sulla possibilità di cambiare gli allacciamenti alle prese e altro ancora. Invece i corpi questa chiarezza ce l’hanno, la possono avere, per cui possiamo dire che la scelta per la maggioranza delle persone verrà fatta quasi quasi bypassando la consapevolezza della persona. Quasi quasi, non del tutto, perché ovviamente qualcosa deve fare anche il soggetto, però è il corpo che è in grado di gestire i movimenti, quindi di fare le sue valutazioni sulla convenienza, su quali energie gli conviene attirare, a quali miscele gli conviene rinunciare e altro ancora.

Il corpo è il produttore principale. Stamattina abbiamo acceso certi interruttori ed è una cosa con cui sperimenteremo durante tutta la giornata, se necessario potenzieremo ulteriormente questa alimentazione, alimentazione di certe nuove correnti, quindi dipende anche dalle vostre sensazioni, da ciò che riuscite a metabolizzare. Adesso dico solo questo, che i vostri corpi stanno ricevendo delle correnti che prima non avevano, e sono dei test preliminari, per cui osservate i vostri corpi, sosteneteli nel loro trasloco, nel loro passaggio e seguiteli anche da vicino, perché loro stanno transitando nella direzione delle prese ad Alta Produttività.

Benvenuti nel Regno del consumo delle energie ad Alta Produttività!

È semplice. Magari la strada che vi ha portati fino a questo punto aveva tante curve, magari più volte si interrompeva, magari non vedevate più la strada e non sentivate di possederla, magari più che essere una strada era un sentierino, però è qui che vi doveva portare, nel Regno del consumo delle energie ad Alta Produttività.

Allora, la Prospettiva, la Prospettiva che è stata illustrata stamattina, questa Direzione Principale, questo Mio Disegno Principale che forma il Futuro, e poi aggiorna il Futuro, questa Direzione è sostanzialmente la Direzione dell’Amore. Gli allacciamenti ad Alta Produttività, le prospettive aggiornate, ciò di cui ho parlato stamattina, tutto questo va visto ed interpretato usando la chiave dell’Amore.

L’Amore è la direzione dell’Uscita e quindi della Salvezza e l’Amore è quello che ci sarà dopo. Usufruirete dell’Amore per abbandonare l’attuale sistema dell’alimentazione energetica, ma anche per formare un sistema diverso, più evoluto, un sistema integro, un sistema che serve il vostro conoscere voi stessi. L’Amore è la principale forza di gestione, è l’imperatività principale, l’Amore inizia e l’Amore conclude e l’Amore aggiorna e allora questo nuovo sistema delle prese ad Alta Produttività sosterrà prima di tutto i movimenti che dipingono ed esprimono l’Amore.

L’Amore sarà sempre l’ingrediente fondamentale di qualsiasi presa energetica.

Le varie miscele dell’Amore, le sfumature, queste nuove super correnti poi sta a voi combinarle, decidere come usarle, a favore di quale movimento concreto, reagendo anche a ciò che vi proporrà la Vita.

Ma sostanzialmente per voi adesso essere voi stessi sarà come essere l’Amore, essere l’espressione dell’Amore, questo è il Disegno Principale, questa è la Scelta, questa è la Prospettiva.

 

www.pdf24.org    Invia articolo in formato PDF   

Leave a Reply

You must be logged in to post a comment.