Irinushka

Il letto del fiume magnetico e altre novità

Tutto il giorno di sabato 6 marzo sono stata in uno stato di non aderenza all’esistenza, mi sono occupata di faccende pratiche, ma sentendo con tutta la mia pelle che stava succedendo qualcosa di grosso, di così grosso che in quel momento alla mia pelle era decisamente sconsigliato venire a contatto ravvicinato con questa roba innominabile, e quindi si è creato come uno strato di isolamento protettivo dentro di me e intorno a me.

Nella notte tra sabato e domenica ad un certo momento ho sentito che l’isolamento si era sbloccato, e mi è arrivata forte e chiara questa frase: “È STATA RAGGIUNTA LA MASSA CRITICA DEGLI EVENTI“, insieme ad un altro paio di riferimenti, molto eloquenti per me.

La giornata di domenica e la mattina di lunedì sono state molto intense, prima con le sedute individuali e poi con l’incontro collettivo con la Nuova Terra dedicato all’argomento dei SuperSoldi… la fluidità era davvero sconvolgente e poi martedì pomeriggio le Fonti hanno annunciato che siamo arrivati alla condizione della formazione a livello planetario del letto del fiume magnetico che influenzerà ogni cosa, ogni forma o aspetto della presenza sul piano fisico.

Questo letto del fiume magnetico diventa la base della nostra stabilità terrestre, formando con il suo disegno magnetico e magnetizzante le direttive e le linee guida per tutti gli eventi che d’ora in avanti potranno succedere nello spazio del piano fisico.

A questo punto non solo gli eventi attualmente in vigore, gli eventi a noi familiari, cambieranno il loro corso e il loro profilo per seguire le sagome del letto del fiume magnetico, ma nasceranno anche nuove forme degli eventi, nuove manifestazioni della vitalità, come espressione diretta delle “pieghe e delle venuzze dell’Eternità”.

Questo evento, la formazione del letto del fiume magnetico, è avvenuto lunedì 8 marzo (il giorno della festa del principio femminile, il giorno in cui la fluidità ha raggiunto un’intensità finora inimmaginabile) e in un certo senso è stato un “colpo improvviso”; nel senso che era previsto che potesse succedere (infatti, la frase “È STATA RAGGIUNTA LA MASSA CRITICA DEGLI EVENTI” preannunciava questa possibile svolta) , però nel momento esatto in cui è successo alcune Forze di gestione molto, ma molto autorevoli si sono comunque “fatte prendere alla sprovvista”.

Le Fonti hanno anche suggerito che la definizione del salto quantico, coniata nell’era della realtà sotto-manifestata, a questo punto diventa un po’ superata; al momento il riferimento del letto del fiume magnetico riflette la nostra nuova situazione planetaria in modo migliore, però sicuramente troveremo altre definizioni per descrivere il nostro nuovo regime esistenziale.

E faccio un’altra considerazione importante: anche la separazione tra Nuova e Vecchia Realtà a questo punto diventa superata, in quanto l’Eternità si riversa in tutto lo spazio del piano fisico, abbraccia e rimagnetizza con le sue linee di forza tutta la nostra terristricità, senza farsi domande del tipo: ma questo pezzo della materia è vecchio oppure nuovo?

E quindi avremo a che fare con manifestazioni della vitalità terrestre, che si percepiranno come parte integrante del Nuovo e si comporteranno di conseguenza, e con manifestazioni della vitalità terrestre che decideranno di non autoriconoscersi come parte integrante del Nuovo, che decideranno di vivere in un “ghetto vibrazionale del vecchio”, che sceglieranno di non utilizzare tutta questa infinita abbondanza e bontà di Dio che d’ora in avanti circolerà sul pianeta.

E, ovviamente, anche questo genere di scelta di vivere nell’autochiusura ha il diritto di essere rispettato ed assecondato, e, finché ci sarà questa richiesta, ci saranno in funzione dei meccanismi con il compito specifico di provvedere a mantenere viva e convincente l’illusione di essere separati dal Tutto.

In questi giorni si è fatto vivo con me anche questo concetto: il mondo della Terra che ufficialmente diventa un Nuovo “Collegio” educativo super-privilegiato all’interno della rete educativa dell’Universo.

Con l’Azione pratica, con la realtà quotidiana che assume il ruolo del nostro maestro capo.

Le cose del mondo ad alta velocità: vi piace questa definizione?

Con la prospettiva di trovare e di fabbricare delle chiavi individuali di lettura, tramite cui ri-conoscere queste cose del mondo, ri-conoscere la nostra materia terrestre, ri-conoscere noi stessi mentre stiamo trafficando con la nostra integra ed onnisciente terristricità stellare…

Tutte queste super-novità possono naturalmente crearci qualche temporaneo disagio o scompiglio; per esempio, oggi è tutto il giorno che mi sento fuori fuoco, come se mi avessero sollevata con un cric, per cambiare l’assetto delle mie ruote esistenziali, perché, giustamente, per muoversi nello spazio del letto del fiume magnetico ci vuole un regime della stabilità diverso, però che gioia sentirmi un’artefice, una beneficiaria e una testimone di queste grandissime meraviglie!

Un abbraccio a tutti e arrivederci alle prossime puntate!

www.pdf24.org    Invia articolo in formato PDF   

Leave a Reply

You must be logged in to post a comment.